Castelli, ex castelli e …..pseudo castelli

DISCUSSIONI

Castelli, ex castelli e …..pseudo castelli

a cura di Fort Net*

Vasto complesso fortificato di edifici. Tipica dimora dei signori feudali e centro dell’economia curtense. Fortezza, Rocca. Grande e maestosa residenza signorile“.
Questa la definizione di CASTELLO del Devoto-Oli, uno dei più noti e usati dizionari della lingua italiana.

Ebbene, dopo le disordinate scorrerie dei precedenti post tra le varie forme di architetture militari distribuite tra terraferma, coste e percorsi fluviali, dobbiamo permettere anche qualche sottigliezza che, vedrete, non risulterà eccessiva.

La definizione di castello che abbiamo più sopra citata si avvicina, soprattutto nella sua prima parte, a quell’idea tipica dell’immaginario collettivo che identifica il castello con il classico fortilizio, fatto di mura, torri, ponti levatoi. Per estensione poi moltissimi finiscono per battezzare castello anche il complesso della mura e delle torri delle città murate che castello, nel senso letterale appunto, proprio non sono!! Sempre dalla nostra definizione leggiamo anche che per castello si intende la tipica dimora dei signori feudali o anche la grande e maestosa residenza signorile. Va da se allora, specie per queste due ultime definizioni, che non necessariamente un edificio chiamato castello dovesse per forza di cose portarsi appresso precise o passate funzioni militari e va anche da se che su questo terreno scivoloso di definizioni e concetti piuttosto elastici ci siano rimasti, accanto ai castelli propriamente detti di cui abbiamo già parlato (citiamo per tutti il castello di S. Salvatore di Susegana), anche edifici nati con funzioni militari ma che nel tempo si sono trasformati in semplici residenze (vedi Castelbrando a Cison di Valmarino già castrum romano, fortezza longobarda e dei Da Camino per diventare poi sotto la Repubblica di Venezia residenza della famiglia Brandolini), ma anche dimore signorili del XV o XVI secolo nate fin da subito come “maestose residenze” senza nessuna velleità militare (come per esempio il Castello del Cataio della famiglia degli Obizzi a Battaglia Terme o il più famoso e anche ben più tardo Castello di Miramare a Trieste).

In questo ginepraio ci finiscono poi anche edifici che potremo chiamare ibridi, ossia con simpatici tentativi mistificatori come il caso della tardo quattrocentesca villa-castello Giustinian di Roncade, dove le mura che circondano la bellissima villa veneta, anche se molto d’effetto, evidenziano benissimo la loro mera funzione decorativa più che militare, oppure il caso del Castello di S. Pelagio a Due Carrare, dove la torre trecentesca che apparteneva al sistema difensivo dei Carraresi è stata solo in un secondo tempo incorporata al complesso molto più tardo di villa Zaborra.

Eh, eh….Sembra facile !!!

Villa Giustinian all’interno del castello di Roncade

==============================================================* FORTNET è una associazione culturale che promuove la tutela, la promozione e la valorizzazione del patrimonio d’interesse storico, artistico e paesaggistico, riferito in particolare alle architetture militari, ai sistemi difensivi, ad ogni bene immobile di rilievo per la storia politica-militare quale elemento di caratterizzazione economico e sociale dei territori e delle loro comunità e quali elementi costitutivi del cosiddetto patrimonio fortificato e del paesaggio su cui insistono.L’Associazione Fort-Net si ispira ai principi fondamentali della Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore dell’eredità culturale per la società, nota come Convezione Faro, firmata nella città di Faro (Portogallo), in vigore dal 1 giugno 2011.

L’Associazione costituisce un network cui collaborano altre Associazioni inserite nel territorio, attivisti e ricercatori a scala locale ed internazionale, amministrazioni locali e professionisti. In questi anni i fondatori e partner dell’Associazione hanno organizzato attività di formazione come workshop e seminari internazionali, lectures, visite guidate, eventi, incontri pubblici, attività di ricerca in collaborazione con Università, Enti di Ricerca nazionali e internazionali, pubbliche amministrazioni, progettualità per la Comunità Europea didattica scolastica, editoria scientifica e divulgativa, Accademie d’arte, studi di architettura, associazioni culturali, cooperative.

Fort Net su Facebook [https://www.facebook.com/Fort-Net-1664953923758738/]

==============================================================

Gli industriali di Marghera da anni scaricavano a San Giuliano i rifiuti tossici che non riuscivano a piazzare altrove.

— Gaetano Zorzetto, Prosindaco di Mestre, Presentazione del progetto del Parco di San Giuliano. Comune di Venezia (1995)

Questa voce è stata pubblicata in Discussioni. Contrassegna il permalink.