K. Z.

FASEMO FILO’

K. Z.    [1]

(Dalla testimonianza resa da Ka-tzetnik 135633 al processo Eichmann a Gerusalemme)

“Gli abitanti del pianeta Auschwitz non avevano nomi.
Non avevano né genitori né figli.
Non si vestivano come si veste la gente qui.
Non erano nati la’ né li concepivano.
Respiravano secondo le leggi di un’altra natura e non vivevano né morivano secondo le leggi di questo mondo.
Il loro nome era Ka-tzeninik  e la loro identità era quella del numero tatuato nella carne dell’avambraccio sinistro”.

 

[1] K.Z. (Ka-tzet nella pronuncia tedesca) sono le iniziali di Konzentration Zenter (Campo di Concentramento). Ogni prigioniero di un K.Z. era soprannominato “Ka-tzetnik Numero…” – il numero personale di matricola tatuato sul braccio sinistro.

==============================================================

Anche se l’eugenetica considera la sopravvivenza dell’individuo cosa da poco, ricordatevi che il DNA di ciascuno di voi è unico insostituibile, mai esistito prima e mai nel futuro, per questo meritevole di essere trasmesso… ciascuno di voi è biologicamente unico, meraviglioso, straordinario e indispensabile alla vita sulla terra sia per la biologia, sia, soprattutto per le intelligenti scelte e i sacrifici che farà nella vita.

— Patrizio Giulini (botanico)

Questa voce è stata pubblicata in Fasemo filò e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.