Canzone a botta e risposta

FASEMO FILO’ 3

Filastrocche,  stornelli e indovinelli che venivano recitati nelle sere d’inverno nelle stalle, quando la gente si ritrovava a filò, o cantati in occasione di alcune feste campestri.

——————————————————————————————————————-

 Canzone a botta e risposta

Io porto scarpe gialle e cravatta nera,
mi pari appena uscito di galera.

Questa strada era un giardino,
ora è diventata un casino !

Tute le barche riva
riva dal mare

quea del mio bene
non riva mai.

Tutte le barche riva a scarpe e soccoi
quea del mio bene xe rose e bocoi !

Ma guarda quel camino, ma come fuma
e vedo l’anima del mio ben che s’acconsuma

el se acconsuma poco
come la legna verde su per il fuoco

Va sustegon da forno
che quando te parli ti

i aseni va torno.
E se i va lassa che i vada

el musso de Fagià xe to compare
la mussa del mercà xe to comare !

(Lino Sacchetto)

—————————————————————————————————————

 

==============================================================

Rifaceva passo passo le corse di una volta; andava fino al bastione di Attila a contemplarvi il tramonto; là mi saziava di quel sentimento dell’infinito con cui la natura ci accarezza nei luoghi aperti e solinghi; guardava il cielo, la laguna, il mare; riandava le memorie della mia infanzia, pensando quanto era fatto diverso, e quante diversità ancora mi prometteva o mi minacciava il futuro.

— Ippolito Nievo, Le confessioni d’un italiano

Questa voce è stata pubblicata in Fasemo filò e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Canzone a botta e risposta

  1. AulisioE scrive:

    A Loro Piceno questi canti sono detti a “vatoccu”, cioè a ‘battaglio’ delle campana che batte ora d’una parte ora dall’altra: “sulle finestre mie ce so’ li vasi/ sulle finestre tua ce so’ li ficcanasi”

I commenti sono chiusi.