Riemerse dalla memoria le campane di Sanbruson

FASEMO FILO’

Riemerse dalla memoria le campane di Sanbruson 

Din dan don le canpane de Sanbruson
E le sona dì e note
E le buta zò le porte
Ma le porte gera de féro
Volta la carta ghe xé un caliéro
Un calièro pien de piova
Volta la carta ghe xe na rosa
E la rosa sa da bon
Volta la carta ghe xe un melon
Ma il melon xe massa fato
Volta la carta ghe xe un mato
Un mato da ligare
Volta la carta ghe xe un mare
Un mare e na marina
Volta la carta ghe xé na galina
La galina fa cocodè
Volta la carta ghe xé un re
Un re e un rearo
Volta la carta ghe xé un peraro
Un peraro che fa i fighi
Volta la carta ghe xé i strighi
I strighi che fa miao
Volta la carta ghe xé el babao
Un babao col bèco rosso
Volta la carta ghe xé un posso
Un posso pien de aqua
Volta la carta ghe xe na gata
E la gata fa i gatèi
Volta la carta ghe i putèi
E i putéi fa ostaria
Volta la carta che la xe finia

==============================================================

Venezia soffre soprattutto delle conseguenze di una cultura che tende ad estrapolarla, a farne qualcosa che non appartiene più alla vita, ma soltanto ai sogni dei poeti (dei cattivi poeti, tuttavia, giacchè i poeti veri hanno, e come!, il senso del rapporto tra l’arte e la vita).

— Giorgio Bassani

Questa voce è stata pubblicata in Fasemo filò e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.