Ghebbo(i)

VOCABOLARIO LAGUNARE

Ghebbo(i)

 Il ghebbo è una voce pure colla quale nel dialetto nostro accenniamo que’ rivoli , que’ canaletti piccioli e stretti che attraversano le paludi.
 Sarebbe perciò da esaminarsi come ella siasi adattata anche ad una misura terrestre. Il Zanetti nella Dissert. di un Papito Ravenn. p. 24. porta antica carta che dice: “tres petias
terrae prima quarum continet gaybos MDC. secunda gaybos CCXI, tertia continet in se gaybos CCC.”

Filiasi Memorie dei Veneti primi e secondi; Vol. 3 pag. 326

==============================================================

Il contatto con l’albero, con il legno, la materia prima delle mie sculture è da sempre un evento emozionante. L’albero è intrinsecamente figura, forma, è una scultura in sé, pronta. Dalle forme del tronco, d alle spaccature, dalle pieghe del legno, dai rami che si sprigionano dal tronco, traggo le idee, gli elementi figurativi che l’albero contiene.

— Augusto Murer (scultore)

Questa voce è stata pubblicata in Vocabolario lagunare e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.